ORGANO FLLI SERASSI 1885 OP 624.

Organo a trasmissione meccanica costruito dai Fratelli Serassi di Bergamo nel 1855, op 624 collocato in cantoria sopra il portale di ingresso.
Cassa in abete addossata alla parete di controfacciata in stile neoclassico con fregio sovrastante il cornicione, decorazioni scolpite ed applicate ricoperte a foglia d’oro.
Prospetto ad unica apertura con arco a tutto sesto. Facciata costituita da tre cuspidi di 7,13,7 canne ciascuna in stagno con bocche allineate e labbro superiore a mitria segnata.
Consolle a finestra con una tastiera di 58 tasti (do 1°- la 5°) con coperture dei diatonici in osso e dei cromatici in noce con listato in ebano, incorniciata in radica di noce con filetto orizzontale in ebano inserito sul listello superiore al centro del quale è inserita la targhetta originale recante oltre al nome degli autori, l’anno di costruzione ed il numero d’opera. Manette ad incastro in noce disposte in doppia fila a destra della tastiera. USATO OGNI DOMENICA.

Registri a manetta in doppia fila:

Campanelli
Cornetto in quintadecima e terza maggiore
Fagotto bassi
Trombe né soprani
Corno di bassetto
Corno inglese né sop.ni
Viola né bassi
Flauto traversiere
Flauto in ottava sop.ni
Ottavino né sop.ni
Timballi in 12 tuoni
Voce umana
Colonna esterna:
Principale bassi 16’
Principale sop.ni 16’
Principale b.
Principale s.
Ottava b.
Ottava s.
Decimaquinta
Decimanona
Vigesimaseconda
Quattro di ripieno
Contrabassi con ottave
Ottave dé contrabassi

Pedaliera in noce di 22 pedali con estensione reale da do 1° a sol 2°, più 2 pedali per la terza mano ed il timbalone.
Accessori: pedaloni per tiraripieno e combinazione libera “alla Lombarda”, pedaletti sul frontale della pedaliera disposti nel seguente ordine a partire da sinistra: distacco pedale, ottavino, fagotto bassi, corno inglese sop., rullo.

La ditta organaria Silvio Micheli ha restaurato l’organo di Formigosa nel 2013, vedi la scheda tratta dal sito www.micheliorgani.it.

Scheda dal libro di don Lino Leali, Damiano Rossi e Guglielmo Ughini “Gli organi del Mantovano”