ORGANO ANONIMO ( presunto MONTESANTI)

Organo collocato sopra il portale di ingresso. Tastiera spezzata di tasti n°54, div. B.S. al mi3 -fa3.
Pedaliera di 20 pedali. ( Do-Sol)
Sistema di trasmissione meccanico.
Restaurato  nel 2004 da Paolo Tollari ma poi non più utilizzato.
Registri a  manette:

Sesquialtera Principale  8’b
Flutta 8’s. Principale 8’ 8’s
Voce umana Principale II 8’ B  ( 17 note)
Flauto in VIII b Ottava 4’
Flauto in VIII s. XV
Bordone  8’s. XIX
Dulciana 4’s. XXII
Tromboncini soprani XXVI
Tromboncini bassi XXIX
XXXIII_XXXVI
Contrabbasso 16’

Non si hanno notizie circa il costruttore e il periodo di costruzione dello strumento, mentre è documentato un restauro da parte di Ferdinando Montesanti nel 1842.
Non sembra invece esservi traccia del nuovo organo  sinfonico- liturgico progettato  da Pacifico Inzoli nel 1894.

Scheda dal libro di don Lino Leali, Damiano Rossi e Guglielmo Ughini “Gli organi del Mantovano”